subscribe: Posts | Comments | Email

ParaNorman

2 comments

Un film di Chris Butler. Con Leslie Mann, Anna Kendrick, John Goodman, Casey Affleck, Jodelle Ferland. Animazione. USA 2012.

 

TRAMA: Norman è un ragazzino speciale: conversa con la nonna morta che sferruzza davanti alla televisione, comodamente seduta sul divano di casa e la mattina, andando a scuola, scambia saluti e convenevoli con i fantasmi degli abitanti defunti che incontra lungo la via.

Tutto questo a suo padre non piace e finisce per attirare su di lui le attenzioni del bullo della scuola.

Ma un giorno Norman incontra suo zio, uno “strambo” come lui che, prima di morire, gli annuncia che sul loro paese sta per abbattersi la maledizione della strega e che solo lui può fermarla. Ci riuscirà il nostro piccolo e coraggioso eroe?

 

Non c’è niente di male, Norman, ad avere paura, finché la paura non cambia quello che sei

E DOPO PARLIAMO: dell’inutilità della vendetta, “perché non cambia le cose che non ci piacciono”; del fatto che, “se è vero che al mondo c’è gente cattiva, non vuol dire che non ci siano persone buone, che ci vogliono bene ed è queste che dobbiamo cercare”; dell’importanza di non farsi cambiare dalla paura; di bullismo; di lutto.

 

NOTE: in una delle scene finali del film si capisce che un personaggio è gay. È una frase che può essere colta per affrontare l’argomento omosessualità.

Anche se gli zombie sono simpatici, e si scoprono essere “come noi”, Paranorman è un film per bimbi coraggiosi.

 

CURIOSITÀ: I registi Sam Fell e Chris Butler hanno dichiarato di essersi ispirati alle supernatural commedy, da Scooby Doo a Ghostbuster.Per realizzare il film sono state impiegate per la prima volta per un film in stop-motion stampanti in 3D.

Per animare il volto di Norman ci sono volute più di 9.000 facce .

Per saperne di più sulle tecniche impiegate leggi I mille volti di (para)Norman.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Simona Rivelli. Scrittrice, autrice, blogger (scriveremirendefelice.it)

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
  1. Roberta says:

    Quindi, non adatto per un bimbo di tre anni?

    • Io credo che dipenda dai bambini. Mia figlia a tre anni l’avrei portata ad occhi chiusi (lei vedeva anche Harry Potter), mio figlio, che è molto sensibile ai rumori, forse no. Ci sono suoni tipici dei film di paura, gli zombie un po’ brutti. Considera che, alla fine, è un film comico, tipo Scooby Doo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *