subscribe: Posts | Comments | Email

La musica nel cuore – August Rush

0 comments

 

E’ un film del 2007 diretto da Kirsten Sheridan,

con  Freddie Highmore, Keri Russell, Jonathan Rhys-Meyers, Terrence Howard e Robin Williams

 

TRAMA: Evan Taylor, un bambino di 11 anni, riesce a fuggire dall’orfanatrofio in cui vive, con l’obiettivo di trovare i suoi genitori. Grazie al suo straordinario talento musicale vive in maniera intensa e particolare una serie di circostanze per le strade di New York e, col nome di August Rush,  sarà addirittura l’autore dell’opera che verrà suonata al Central Park, durante il concerto della Julliard, la prestigiosa scuola di musica, frequentata a suo tempo da qualcun altro…

Nel frattempo anche la mamma, appena scoperto ciò che è successo 11 anni prima, si mette alla ricerca di suo figlio, ma si scontra con gli effetti collaterali della burocrazia. Il padre che non è al corrente dell’esistenza del bambino, decide dopo anni di infelicità, di cercare la donna da cui è stato all’epoca allontanato ma alla quale non ha mai smesso di pensare.

Sarà la musica, attraverso le sue vibrazioni, a connettere i loro cuori  e a guidare i loro passi per ritrovarsi, grazie anche a tutti coloro che, vibrando e ascoltando, contribuiranno alla creazione  del “possibile”.

chitarra

“Ascolta… la senti? La musica! Io la sento dappertutto: nel vento, nell’aria, nella luce… è intorno a noi, non bisogna fare altro che aprire l’anima, non bisogna fare altro che ascoltare!”

E DOPO PARLIAMO: naturalmente della bellezza della musica, di come ogni suono, se ci sono orecchie ad ascoltare, dice qualcosa e trasmette una vibrazione particolare; di come la musica, così come l’arte in genere, sia il linguaggio del cuore e dell’anima. Come dice una frase del film “C’è musica nell’aria. C’è musica nelle persone. C’è musica nel cielo, nello spazio infinito. C’è musica perfino sotto un tombino o in un bidone della pattumiera”.

E poi parliamo di fede, di quanto sia importante credere in qualcosa che, come un faro, possa illuminare il proprio percorso; di come la passione possa rendere la vita meravigliosa e possa aiutarci a concretizzare i nostri sogni;

di solidarietà: infatti è grazie all’attenzione e all’ascolto di qualcuno che “vede”,  “ascolta” e “sente” che Evan riesce a realizzare il suo sogno in cui non ha mai smesso di credere, nonostante, come dice un’altra frase del film, “a volte qualcuno cerca di toglierti la speranza”.

CURIOSITÁ: Freddie Highmore, che ha interpretato Evan Taylor, ha vinto il Saturn Award come miglior performance di un giovane attore e  Kate Winslet lo ritiene il migliore attore-bambino mai visto sullo schermo.

NOTE : la colonna sonora, uno dei punti di forza del film, è di Mark Mancina, lo stesso autore di quella di “Koda, fratello orso”.

VIOLENZA                                          

SESSO                                                   

TURPILOQUIO                                 

 

 

Daniela De Santis, psicologa del lavoro, esperta in Formazione, sviluppo competenze e crescita personale

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *