0

Harry Potter e la pietra filosofale

Un film di Chris Columbus. Con Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson, John Cleese, Richard Harris. Titolo originale Harry Potter and the Philosopher’s Stone. Fantastico. Durata 151 min. USA 2001.

TRAMA: Immaginate la quintessenza della sfiga: essere un ragazzino di undici anni, orfano di entrambi i genitori, adottato da due destestabili zii che lo odiano e lo hanno relegato in un misero sottoscala, nel quale non disdegnano di chiuderlo a chiave, con un altrettanto detestabile e viziato cugino, il quale si diverte a prenderlo in giro e a tiranneggiarlo. Tutto questo è Harry Potter, almeno fino al giorno in cui scopre di essere davvero speciale: non solo un mago, ma il Mago, quello che in un mondo parallelo, nascosto giusto dietro Charing Cross, il quartiere più centrale di Londra, tutti conoscono e tutti ammirano, perché nulla ha potuto contro di lui, allora neonato, Voldermort, il mago oscuro più potente di tutti i tempi, e i suoi genitori sono degli eroi, caduti nella guerra contro il male.
Scoperta la sua vera natura, Harry parte dal fantomatico binario 9 e tre quarti alla volta della scuola più prestigiosa del regno dei maghi, Hogwarts, diretta dal preside Albus Silente.

Non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere

Qui trova finalmente degli amici, tra cui Ron, Hermione e Hagrid sono i più preziosi, ma anche alcuni nemici, come Draco Malfoy e l’ambiguo professor Piton, o almeno così sembra a Harry, perché nel mondo dei maghi bene e male si scontrano e si incontrano e spesso non è facile capire chi sta con chi.

E le cose si complicano davvero quando diviene chiaro che Voldemort è ancora vivo e si aggira per Hogwart alla ricerca della pietra filosofale e ad Harry appare evidente che solo lui potrà fermarlo.

E DOPO PARLIAMO: di amicizia, solidarietà, fiducia e sostegno reciproco; del fatto che non esite buono e cattivo, ma bene e male sono una scelta che compiamo ogni volta che agiamo; di come in ciascuno ci sia qualcosa di speciale, basta cercarlo, per valorizzarlo e metterlo a frutto.

CURIOSITÀ: Il protagonista del film, Daniel Radcliffe, pur essendo così piccolo non era nuovo alle scene: il regista l’ha scelto dopo averlo visto recitare in David Copperfield.
Richard Harris, il primo Albus Silente ha accettato la parte solo dopo che la nipotina l’ha minacciato di togliergli la parola se non l’avesse fatto.
Tim Roth doveva essere l’interprete di Severus Piton, ma, all’ultimo momento, ha declinato l’offerta perché impegnato in un altro film, lasciando il posto ad Alan Rickman.

NOTE: i film di Harry Potter hanno cambiato registro, man mano che il protagonista cresceva e, insieme a lui, i suoi primi fan, diventando, dal terzo in poi, via via più paurosi e inquietanti. Naturalmente dipende dal singolo bambino averne paura o meno.

 

0 Condivisioni