0

The polar express

Un film di Robert Zemeckis. Titolo originale The Polar Express. Animazione, durata 100 min. – USA 2004

 

Prima o poi il momento arriva per tutti, quello in cui si comincia a dubitare di ciò ciò che sembrava assolutamente certo e indiscutibile, come l’esistenza di Babbo Natale.
E, quando accade, finisce la meraviglia.
Questa la fase in cui si trova il protagonista, un ragazzino il cui nome non verrà mai menzionato.
La sera del 24 va a dormire fra dubbi e delusioni. Vorrebbe non addormentarsi per controllare, ma cede.
Viene svegliato dal fischio di una vecchia locomotiva a svegliarlo, quella del Polar express, un treno diretto al Polo Nord, proprio la notte di Natale.
Titubante il ragazzino sale, come quelli prima e dopo di lui.
Il viaggio non è semplice: la neve cade fortissima e accadono contrattempi di tutti i generi, ma, alla fine, riescono ad arrivare prima di mezzanotte a l Polo Nord, nella città dove Babbo Natale e un’infinità di elfi preparano i giochi.
Per il coraggio e lo spirito di solidarietà che il ragazzino ha mostrato durante il viaggio, viene scelto da vecchio per ricevere il primo regalo di Natale. Il ragazzino gli chiede se può avere un campanellino della slitta, che è appena caduto in terra e che solo chi crede può sentire suonare.
Babbo Natale glielo concede e il ragazzino si accorge che, finalmente, può udirlo anche lui.
Una volta sul treno, però, si accorge che gli è caduto da un buco nella vestaglia.
Ma il giorno di Natale è ancora tutto da vivere. Sarà stato tutto un sogno, oppure il Polar express esiste davvero? E il ragazzino avrà portato con sé lo spirito del Natale e la capacità di credere?

Una cosa sui treni: l’importante non è dove vanno, ma decidere di prenderli

E’ importante

non perdere mai lo Spirito del Natale, la capacità di credere e di meravigliarsi. Conservare queste caratteristiche dell’infanzia anche quando si diventa adulti, permette di avere una vita più ricca e mantenere una prospettiva migliore.

Il film è anche una storia sull’importanza di essere solidali, di condividere sull’amicizia che “è il regalo più bello che tu possa ricevere”.

Una storia natalizia adatta a tutti

ai bambini, grandi e piccini, che il campanellino lo sentono, e agli adulti che non hanno mai smesso di sentirlo; il film può aiutare a sentire di nuovo coloro i quali, invece, hanno smesso o dubitano.

Un film tecnicamente innovativo

The polar express è stato il primo film di animazione a essere girato inperformance capture, ovvero con una tecnica che permette di “catturare” i movimenti, e, quindi, anche le espressioni, degli attori e rielaborarle graficamente. Tom Hanks ha dato vita nel film a sei personaggi.

 

 

 

0 Condivisioni