0

The impossible

Regia: Juan Antonio Bayona. Con: Naomi Watts, Ewan McGregor, Tom Holland.Drammatico- Usa-Spagna 2012. durata 114 min.

Trama: Maria, Henry ed i loro tre figli decidono di trascorrere la vacanze d’inverno in Thailandia. Il Natale passa in totale relax, in uno dei luoghi più belli al mondo. La mattina del 26 dicembre, durante una splendida giornata di sole, uno tsunami di enormi proporzioni travolgerà tutto quello che ha di fronte. L’impatto con l’enorme onda li separerà. Maria con il figlio maggiore Lucas, Henry con i due figli più piccoli Simon e Thomas. Gli uni all’oscuro del destino degli altri, quando le acque si ritireranno lasciando il loro carico di devastazione, lotterano contro l’impossibile per ritrovarsi.

E, questa volta, prima parliamo di: The Impossible è un film ovviamente consigliato ai più grandicelli. Racconta una delle più grandi tragedie naturali al mondo; una catastrofe dove morirono 300 mila persone di ogni nazione, innumerevoli i feriti, si stima 14 mila gli orfani. Bayona porta sullo schermo una storia, comunque, a lieto fine; ma il contorno è di quelli strazianti. C’è pudore e delicatezza, ma non ci viene risparmiato quasi nulla; la scena dell’impatto dell’onda è tecnicamente superba e rimane impressa per un bel pò. Necessario, per chi vuole portare i propri ragazzi al cinema, spiegare loro cosa è successo quella mattina di dicembre. Non tralasciare nulla, anticipando loro che quello che vedranno al cinema è tutto vero. Spiegandogli anche come tragedie del genere però spingano alla solidarietà ed al sostegno reciproco tra coloro che sono coinvolti.

Curiosità: la storia raccontata in The Impossible è vera, ispirata a quella di Maria Belon, medico spagnolo e della sua famiglia sopravvissuta allo tsunami. Bayona ha girato nei luoghi reali della tragedia. Naomi Watts, candidata all’Oscar per questa interpretazione, ha confessato di non aver un buon rapporto con l’acqua da quando, da ragazzina, è stata trascinata dalla marea insieme al fratello.Tom Holland, superbo nella parte di Lucas, è al suo esordio.

Note: il racconto forte, potente e struggente di una tragedia; una storia a lieto fine, anche se per Maria e la sua famiglia il ritorno a casa sarà soltanto l’inizio di un nuovo e duro percorso per dimenticare. Delicato, mai retorico e soprattutto mai ruffiano. Un buon film che racconta l’importanza dei legami famigliari, della solidarietà e del sostegno reciproco, ponendo l’accento sull’ineluttabilità del destino, capace di far accadere appunto, l’impossibile.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *