0

Il principe abusivo


Il principe abusivo

Un film di Alessandro Siani. Con Alessandro Siani, Christian De Sica, Sarah Felberbaum, Serena Autieri, Nello Iorio. Commedia, durata 97 min. – Italia 2013.

TRAMA: Quando la principessa Letizia (Sarah Felberbaum) si rende conto di essere poco popolare, il suo ciambellano, Anastasio (Cristian De Sica), pensa bene di suggerirle di mischiarsi al popolo. Come? Legandosi sentimentalmente a uno squattrinato. Destino vuole, che la scelta cade su Antonio (Alessandro Siani). Quest’ultimo vive scroccando un po’ qua un po’ la e facendo da cavia per delle case farmaceutiche. Lui e Letizia non potrebbero essere più diversi.
La principessa, con l’aiuto di Anastasio, incontra Antonio che viene invitato a corte. Mentre lui si innamora, lei finge. Solo quando lui capisce l’inganno e si allontana da lei, Letizia inizia a provare qualcosa per lui.
Cresce una bella amicizia tra Antonio e Anastasio e così il ciambellano decide di aiutare il ragazzo a far breccia nel cuore della principessa. In cambio, Anastasio riceve qualche suggerimento, per farsi notare da Jessica (Serena Autieri), la cugina di Antonio, che si è trasferita anche lei, insieme a due amici, nella dependance di corte.

Letizia: “Sai montare un cavallo?”
Antonio: “Se me lo dai già montato è meglio, sennò va’ a finì che m’imbroglio con i pezzi!”

E DOPO PARLIAMO: Dell’amore e l’innamoramento, delle differenze culturali. Possiamo spiegare ai nostri bambini che volendo, si può cambiare, ma senza perdere la propria identità.

NOTE: Avete bambini piccoli? Non temete. Li potete portare tranquillamente. Non ci sono scene particolarmente “hot”. È vero che il re, padre di Letizia, ha una strana “passione” per i “festini”, ma se ne parla solo in pochissime scene e senza mostrare molto.
Siani, con questo suo primo film da attore, regista, autore e sceneggiatore, ha letteralmente sbancato i cinema italiani.
Questo film non conquista per la sua trama. Sono Siani e De Sica, le colonne del film.

CURIOSITÀ: si chiama Salvatore Misticone e ha già lavorato con Alessandro Siani in “Benvenuti al Sud”, interpretando il ruolo del vecchietto che parlava un dialetto incomprensibile.

 

0 Condivisioni