0

Pocahontas, la vera storia

Rebecca Rolfe, Amoniote, Mataoka, Indian Princess… sono tanti i suoi nomi. Il più noto rimane il suo soprannome Pocahontas (piccola svergognata).

La Walt Disney, nel 1995, riporta a galla la storia di questa piccola, grande donna. Un’eroina di altri tempi, tempi duri, quelli intorno al 1600, quando nella sua terra, si vivono problematiche notevoli.
La zona abitata dalla sua tribù viene presa di mira dal colonialismo. Gli inglesi iniziano a cercare spazio in Virginia e gli scontri con gli americani nativi, sono inevitabili.
Lei, la principessa degli Indiani, in quanto figlia del capo tribù, cerca di mediare. Sempre. Anche, quando arriva John Smith, uno dei capi dei coloni. In circostanze poco chiare, pare che sia stata proprio Pocahontas a salvarlo dal linciaggio da parte di suo padre, il grande Wahunsunacock, meglio noto come Powhatan. Infatti, la trama del film della Walt Disney, si basa proprio su questo incontro.
Dopo l’evento, che molti studiosi si spiegano come un rituale indiano, piuttosto che una mancata uccisione, dubitando del fatto che una ragazza possa aver avuto influenza su una decisione tale, la tribù e la colonia di Smith, vivono in pace per un lungo periodo. A quanto pare, sempre sotto sorveglianza di Pocahontas, che in tempi di grave carestia, assicura ai coloni cibo a sufficienza.

La situazione di convivenza pacifica però non regge in eterno.

Seguono scontri più o meno gravi, tra i coloni e la tribù. John Smith viene ferito e torna in Inghilterra. Agli indiani verrà detto che è morto.
Nel 1613, a soli 18 anni, Pocahontas viene catturata da due coloni, con l’idea di usarla come merce di scambio con due coloni, prigionieri della tribù.
Viene portata nell’odierna Chesterfield County, in Virginia, dove conosce John Rolfe. Impara l’inglese, si converte alla religione cattolica, viene battezzata con il nome Rebecca e sposa Rolfe.
Con lui intraprende un viaggio che la porta in Inghilterra, dove scoprirà che John Smith è ancora vivo.
Si sa di una lettera che lo stesso Smith manda alla Regina Anna. Le chiede di trattare Rebecca al pari di una regina e lascia intuire che la donna continua ad avere forte influenza sulle azioni della tribù in Virginia. Se Pocahontas sta bene, staranno bene i coloni in America.
Un incontro faccia a faccia, avviene poi in casa Rolfe, nella quale Smith si reca con diversi amici, in una visita di cortesia.
Da testimonianze frammentarie da parte dello stesso Smith, si intuisce che il meeting non è dei più tranquilli. Rebecca sembra quasi rimproverare l’uomo di non esser stato sincero, durante il loro primo incontro in Virginia. Lascia capire che lei l’ha inizialmente aiutato perché lui aveva fatto diverse promesse, tutte non mantenute.
Rebecca non riesce a tornare più nella sua Virginia, muore infatti durante la traversata, nel 1617, serena, in quanto conscia che il suo unico figlio le sarebbe sopravvissuto.

Acquista su Amazon.it

Roberta Gregorio, mamma, scrittrice fra Italia e Germania e blogger

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *