0

Posti in piedi in paradiso

Un film di Carlo Verdone; con Pier Francesco Favino, Carlo Verdone, Marco Giallini, Micaela Ramazzotti. Durata 119 minuti Italia 2012

Trama: Tre uomini divorziati e diversi per carattere e abitudini decidono di condividere un fatiscente appartamento romano per venire incontro alle difficoltà economiche dettate dalla crisi e dalle personali debolezze. Ulisse gestisce un negozio di vinili e di memorabilia del suo glorioso passato di produttore discografico; Fulvio è stato un importante critico cinematografico prima di finire a scrivere di gossip e starlette a causa di una relazione con la moglie del suo caporedattore; Domenico, invece, è un agente immobiliare scapestrato che il vizio del gioco e delle donne ha ridotto a vivere dove capita e a dover pagare gli alimenti a un numero di figli e di famiglie imprecisato. I tre vitelloni si ritrovano a fare i conti con una difficile convivenza, finché una sera Domenico, che arrotonda le entrate come escort, viene colto da un malore dopo aver preso troppo viagra e fa chiamare a casa Gloria, una stramba cardiologa con seri problemi sentimentali.

E dopo parliamo di: rapporti famigliari.  Di come sia difficile ricominciare e soprattutto mantenere un buon rapporto con i propri figli anche quando due persone si separano. Della crisi economica.

Note: Carlo Verdone non ha certo bisogno di presentazioni. Ed anche qui, nonostante scelga un tono sicuramente minore, fa centro. Le risate sono amare, la malinconia domina, ma “Posti in piedi in paradiso” è, un pò a sorpresa debbo ammettere, un film davvero piacevole da vedere. Grazie soprattutto ai tre protagonisti su cui domina uno strepitoso Marco Giallini che tratteggia un personaggio, l’italiano costretto a vivere di espedienti,  che molto ricorda quelli interpretati da Christian De Sica o Vittorio Gassman. Un film che al pregio di una, quasi (qualche parolaccia c’è) totale assenza di volgarità, da vedere tutti quanti insieme. E proprio ai figli lancia il suo messaggio finale Verdone, a quei figli che possono riscattare i fallimenti dei padri.

Curiosità: film decisamente al maschile. Tra le figure femminili, spicca però Gloria, svampitissima cardiologa interpretata, un pò sopra le righe, da Micaela Ramazzotti, moglie del regista Paolo Virzì. Marco Giallini è stato “Il Terribile” nella prima magnifica stagione di “Romanzo Criminale”

 

 

0 Condivisioni