0

Iron Man 3

Iron Man 3 è un film del 2013 diretto da Shane Black con Robert Downey Junior, Gwyneth Paltrow, Ben Kingsley, Don Cheadle…

Durata 130 min

[Per chi non avesse visto i primi due film: Tony Stark è un ricchissimo (e fighissimo) industriale, che, come suo padre in passato, sviluppa e costruisce armi super-tecnologiche, usate in tutte le guerre del mondo; catturato dai suoi nemici, cambia radicalmente idea sulle armi e sull’uso di queste; riesce in prigionia a costruire la prima armatura e si libera; diventa così Iron Man, lottando, a rischio della propria vita, per proteggere il mondo; a differenza di altri colleghi-supereroi, che tendono a nascondere la loro vera identità, Stark non nega di essere Iron Man, anzi, lo sottolinea pubblicamente]

Trama: Il terzo film della saga di Iron Man vede un Tony Stark (Robert Downey Junior) tormentato dalle proprie fobie. Vivere con la consapevolezza e il peso di trovarsi nelle condizioni di dover salvare il mondo da un momento all’altro, lo fa soffrire al punto tale da procurargli spesso attacchi di panico. Proprio ora che ha trovato l’amore nella sua assistente Pepper (Gwyneth Paltrow), sente il bisogno straziante di proteggerla.

Come spesso succede nella vita, Tony deve fare i conti con il passato. Nel lontano 1999, in occasione di una festa, Stark, all’apice del successo, viene avvicinato da Aldrich Killian (Guy Pearce). Killian chiede il sostegno (economico e creativo) di Stark per la realizzazione di un progetto tecnologico. Tony, distratto da una giovane donna (Rebecca Hall) che gli sta presentando un altro progetto di ricerca bio-tecnologica, fa attendere Killian invano.

Tornando ai giorni di oggi, vediamo l’America tormentata da strani attacchi terroristici, rivendicati da “Il Mandarino” (Ben Kingsley). Il Presidente stesso viene fortemente minacciato. A causa dei suoi attacchi di panico, Stark si tiene inizialmente al di fuori di questa faccenda. Solo quando in uno di questi attacchi viene ferito gravemente Happy (Jon Favreau), amico fidato e guardia del corpo di Tony, quest’ultimo grida vendetta.

 

Nonostante l’evidente prossimo attacco personale da parte dei “terroristi”, Tony viene colto un po’ di sorpresa e questa volta, si trova ad affrontare il nemico quasi senza armatura.

 

Riuscirà Tony a resistere da uomo, senza l’acciaio di Iron Man? Quale segreto si cela dietro alla figura de “Il Mandarino” e quali legami ci sono con il passato di Tony? Potrà contare sul sostegno di James “Rhodey” Rhodes, ovvero Iron Patriot (Don Cheadle), militare al quale è permesso indossare l’armatura? Oppure avrà forse un asso nella manica lo stesso Tony?

 

Sono queste le domande alle quali il film saprà dare risposta con scene avvincenti ed effetti speciali notevoli.

 

 

E dopo parliamo di: paure e come affrontarle; coraggio e come tirarlo fuori nei momenti giusti; perché si prova un senso di protezione verso chi amiamo.

 

Note: il film, specie nella fase iniziale, ha uno sviluppo un po’ lento con passaggi forse troppo complicati per i più piccoli. Scene particolarmente violenti, sommate a degli effetti speciali che trasformano i nemici di Iron Man in veri e propri mostri sputafuoco, fluorescenti e dagli occhi inquietanti, rendono questo film non adatto a bambini piccoli e/o molto sensibili.

 

Curiosità: i supereroi sono una vera garanzia. Iron Man 3 negli USA e in Canada ha avuto il miglior esordio della storia dopo The Avengers, nel quale ha avuto un ruolo fondamentale anche Iron Man. Infatti, Iron Man 3 è pieno di riferimenti chiari a The Avengers (New York, Alieni ecc.)

 

 

0 Condivisioni