0

Fuga dal Natale

Un film di  2004  Joe Roth; con Tim Allen e Jamie Lee Curtis, Julie Gonzalo, Dan Aykroyd. Durata 98 minuti. Usa 2004

Trama: Christmas with the Kranks è tratto dall’omonimo romanzo del 2001 di John Grisham. Fuga dal Natale è una simpatica e luminosa commedia di Natale che riscalda il cuore ed allieta l’attesa delle festività coinvolgendo lo spettatore in una insolita Fuga dalle tradizioni e dalle onerose spese natalizie. Luther Krank, stanco del solito consumismo del periodo natalizio, (l’anno precedente, per fare un esempio, il Natale gli era costato  6100 dollari) decide di “fuggire dal Natale” proponendo alla moglie Nora una vacanza ai Caraibi. La partenza per il Perù della figlia Blair sembra una benedizione dal cielo, ma i coniugi Krank non hanno fatto i conti con i vicini di quartiere  che non si rassegnano a vedere la casa dei Krank senza albero di Natale e neanche una lucina. La spassosa parodia dei preparativi di quartiere tiene alta l’attenzione grazie a  Vic Frohmayer e Walt Scheel che dirigono i lavori del vicinato. Per quasi tutto il film la casa dei Krank è tenuta “sotto assedio” dai vicini. Mentre Nora e Luther stanno preparando le valigie per la vacanza, la figlia Blair li avvisa dicendo che tornerà a casa con il nuovo fidanzato Enrique giusto in tempo per la tradizionale festa della vigilia a casa Krank con tutto  il vicinato.  Luther e Nora sono nei guai, senza albero di Natale, decorazioni, lucine e nemmeno Frosty sul tetto e…  la vacanza ai Caraibi può ritenersi rovinata. I coniugi Krank hanno solo 12 ore di tempo per addobbare la casa, procurare l’albero di Natale, mettere Frosty sul tetto,  fare la spesa, preparare la cena e invitare degli amici. Questo piccolo miracolo sarà possibile grazie ai “vicini ficcanaso”, lieti di accogliere la Baby Sitter che ha cresciuto i loro bambini.

 

E dopo parliamo di: tradizioni familiari; anticonformismo; della difficile convivenza pacifica con i vicini di casa (che sia un quartiere o un condominio); di beneficienza; di consumismo e di crisi del Natale.

Note: mi ha incuriosita e al tempo stesso rattristata moltissimo la scena della spesa al supermercato dell’ultimo momento di Nora. Gli scaffali sono vuoti e lei pagherebbe l’oro del mondo per avere l’ultima confezione di prosciutto al miele… il preferito di sua figlia. In questi tempi di crisi molte famiglie sono costrette a fare il conto degli spiccioli per avere almeno sulla tavola le tipicità gastronomiche natalizie.

Curiosità:  Il film ha ricevuto due premi nel 2005: il  Kids’ Choice Awards, con Tim Allen nominato come Favorite Movie Actor e il Young Artist Awards come Best Family Feature Film – Comedy or Musical

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *