0

Lilli e il vagabondo

“Lilli e il vagabondo” è il 15° classico Disney, un film d’animazione del 1955 diretto da Clyde Geronimi, Wilfred Jackson e Hamilton Luske. Prodotto da Walt Disney, e distribuito dalla Buena Vista Distribution, Lilli e il vagabondo è il primo lungometraggio animato girato in CinemaScope (se si considerano anche i film live action della Disney, è stato preceduto da 20.000 leghe sotto i mari). Durata 73 minuti. 

TRAMA:

Ambientato in una tranquilla cittadina del Connecticut (Stati Uniti d’America) agli inizi del XX secolo, in occasione del Natale, “Gianni caro” regala alla moglie Lisa -“Tesoro” una cucciola di Cocker Spaniel che decidono di chiamare Lilli. In breve tempo la cagnolina diventa la regina della casa ed è circondata dai suoi vecchi amici:  Whisky, un terrier scozzese un po’ burbero ma molto distinto,  Fido, un educato Bloodhound ex cane poliziotto dal fiuto eccezionale. Un giorno, all’improvviso, Lilli confida loro di sentirsi trascurata da  Tesoro e Gianni caro senza capire il perché. “Tesoro sta aspettando un bambino” le spiegano i suoi amici e Biagio, il Vagabondo Schnauzer, passando di lì per caso, si unisce alla conversazione predicendo a Lilli un futuro non tanto migliore. Ma zittito viene subtio mandato via. Finalmente, dopo la nascita del “pupo” tutto torna come prima e Lilli si sente di nuovo coccolata ed amata. I problemi arriveranno in seguito alla decisione di Tesoro e Gianni caro di partire per un viaggio e alla forzata convivenza con Zia Sara e i suoi due gatti siamesi, Si e Am, chiamata per accudire il “pupo”. Zia Sara non vede di buon occhio la presenza di Lilly in casa così decide di metterle una museruola ma Lilly si ribella e scappa in città. Biagio per fortuna arriva giusto in tempo per salvarla da tre feroci cani rabbiosi, poi la lite finta allo zoo e finalmente la cena al ristorante di Tony e Joe e la famosa passeggiata romantica nel parco dove Lilly e il Vagabondo si scambiano la loro promessa d’amore. Per lilly è la prima notte fuori casa e l’inizio di una vita avventurosa e pericolosa al fianco di Biagio: la caccia alle galline nel pollaio, gli spari, l’accalappiacani, il canile, gli amici di Biagio, la piastrina e il ritorno a casa, la catena al collo, Whisky e Fido, il litigio con Biagio, il topo nella stanza del “pupo”, il disastro nella stanza, la zia Sara, l’accalappiacani e, finalmente, Tesoro e Gianni caro rincasano proprio nell’istante in cui l’accalappiacani sta trascinando via l’innocente Biagio, la corsa dietro al carro di Whisky e Fido e Biagio viene liberato. La scena finale ritrae Lilli e Biagio sotto l’albero di Natale con i loro quattro cuccioli, Annette, Collette e Danielle e l’unico maschio Zampa per una foto ricordo, insieme a Whisky e Fido, orgoglioso per il fiuto ritrovato.

 

E DOPO PARLIAMO:   Gelosie per la nascita di un fratello o una sorella; ribellioni e punizioni; innamoramento e promesse d’amore; amicizia e presenza degli amici nella vita quotidiana per condividere gioie e momenti di dolore e tristezza;

CURIOSITÁ:  In Italia il film è stato distribuito sul mercato VHS, DVD e Blu-ray Disc in quattro edizioni. Nel 1997 la pellicola venne restaurata nel video e nel doppiaggio.  L’unica novità rilevante rispetto al doppiaggio d’epoca fu per Lilly, doppiata da Margherita Buy che diede un tono adulto e poco adatto al personaggio, una cagnetta di 6 mesi. Nel 2006 venne restaurato il doppiaggio del 1955 (nel quale Lilly era doppiata dalla venticinquenne Flaminia Jandolo).

Il sequel, Lilli e il vagabondo II – Il cucciolo ribelle  del 2001 ha come protagonista  il cucciolo Zampa

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *