La locandina originale di Modern Family con i protagonisti
0

La famiglia nelle Serie TV

Le serie televisive per la loro natura a episodi, le cui trame coinvolgono una pluralità di personaggi e, quindi, di storie, si sposano, molto meglio di un film, a raccontare la famiglia nelle sue declinazioni e, nel tempo, finiscono per registrare i cambiamenti sociali che la riguardano.

L’evoluzione delle serie TV

Gli anni settanta, sono dominati da un classico come Happy Days, con i favolosi Cunningham, che incarnavano il sogno americano di una famiglia vissuta a cavallo fra gli anni 50 e 60. Negli anni ottanta abbiamo La famiglia Bradford, che narrava le vicende di una coppia con otto figli. Nella seconda stagione il padre rimane vedovo.

Nello stesso periodo impazza la famiglia multietnica de Il mio amico Arnold, padre WASP con figlia, che adotta due ragazzini di colore, e quelle afro-americane de I Jefferson e de I Robinson. Queste ultime tre serie sono di genere comico, ma non disdegnano di affrontare tematiche più importanti, con una centralità del tema del razzismo.

Il family drama

In anni recenti, con l’aumento dei canali prima e dell’offerta televisiva poi, la famiglia, è diventata sempre più protagonista delle serate davanti alla TV, tanto da costituire un genere a sé, il family drama.

Negli anni si è trasformato il modo di raccontarla: se prima la storia si focalizzava per lo più su uno o due personaggi centrali, la famiglia protagonista delle serie televisive contemporanee diventa sempre più un’entità collettiva.

Si pensi ai recenti Modern Family e Parenthood, dove la famiglia protagonista ricomprende tre generazioni diverse o This is us, che ha due piani narrativi temporali diversi.

Le serie TV e le famiglie che cambiano

Le serie televisive hanno rappresentato i cambiamenti che la famiglia ha affrontato nel corso degli anni: dal ritrarre la famiglia tradizionale mononucleare, sono passate alle madri single (la prima madre single è arrivata negli anni ottanta con Giorno per giorno, poi le abbiamo trovate disseminate qua e là, fino a Una madre per amica), poi le famiglie allargate, come la nostrana i Cesaroni, per approdare alle famiglie arcobaleno con Modern Family.

Dei genitori con cui “confrontarsi”

Il merito di queste serie TV è che propongono davvero una rosa di situazioni e di modelli comportamentali molto ampia, alcuni utili “per difetto”, nel senso che sono talmente disfunzionali che aiutano a capire cosa sia nocivo nei rapporti con i figli, altri sono una fonte di ispirazione.

Inoltre, affrontano tante tematiche importanti, per cui ogni genitore può imbattersi una storia simile alla sua e avere dei riferimenti su come affrontare le situazioni che gli si prospettano, trovando per l’appunto il modello che più gli è congeniale e sentendosi meno solo di fronte ai problemi. In questo senso mi viene in mente, per esempio, Adam e Kristina di Parenthood e del loro percorso con un figlio Asperger.

Di serie TV e famiglia abbiamo parlato anche in Atypical e Sneaky Peter

Se desideri approfondire l’argomento serie televisive italiane e famiglia, segnalo l’articolo di Milly Buonanno sulla rivista Media Education della Erickson

Scrittrice, life coach, parent e teen coach. Per saperne di più visita il profilo Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *