0

Il corriere – The mule

Regia di Clint Eastwood. Un film con Clint Eastwood, Bradley Cooper, Laurence Fishburne, Michael Peña, Dianne Wiest.  Genere Drammatico – USA, 2018, durata 116 minuti. 

Un anziano insospettabile

Earl ha trascorso la sua vita a coltivare e vendere fiori. Tutto il suo tempo, le sue energie e la sua passione li ha messi nel lavoro, trascurando moglie e figlia, di cui ha perso tutti i traguardi importanti, matrimonio compreso.

Poi la sua attività va in crisi, il suo terreno viene pignorato e lui viene avvicinato da un cartello della droga, affinché con il suo pick-up porti gli stupefacenti attraverso gli Stati.

Anziano, bianco, insospettabile, Earl accetta la proposta. Inizialmente non sa di cosa si tratti, ma, quando lo scopre, non si fa scrupoli: ha i debiti, i rapporti con la famiglia da recuperare, gli amici da aiutare.

C’è sempre un buon motivo per fare un ultimo viaggio. E in fondo i motivi sono buoni davvero: facendo su e giù per l’America, Clint rilegge la sua vita e capisce quali siano le cose che veramente contano.

I film di Clint Eastwood di solito sono molto belli e sono altrettanto tristi.

Quest’ultimo lavoro fa eccezione. Se l’esistenza di Earl è in fondo fallimentare, se c’è sempre un mood malinconico, è anche vero che la vita gli offre una seconda opportunità, che lui non si lascia sfuggire.Insomma, i danni fatti non si riparano, ma non è mai troppo tardi per recuperare ciò che ci si è lasciati alle spalle.

Il film è basato sulla storia vera di Leo Sharp

Lontano dalla violenza dei soliti film sui cartelli della droga, The mule può essere visto da tutti, con un’avvertenza: sebbene il messaggio sia chiaro, come tutte le storie che mostrano come fare i soldi facili, quando si guarda insieme ai propri figli, bisogna sempre enfatizzare che, alla fine, il crimine non paga mai e portare l’attenzione su tutti quei valori positivi di cui, invece, il film veicola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *