l'ingresso di CInecittà World
0

Una giornata a Cinecittà World

Qualche giorno fa sono stata a Cinecittà World, con mia figlia diciassettenne e una sua amica.

Quando si ha una figlia così grande non sono molte le occasioni di trascorrere del tempo insieme, ma il Parco ci ha offerto un’occasione magica per vivere un’esperienza condivisa.

Tutto questo alla vigilia di uno di quei momenti che una volta si sarebbero chiamati riti di passaggio, perché segnano un passo per l’adolescente verso la vita adulta e l’autonomia.

Purtroppo abbiamo preso una delle giornate più calde dell’estate, per cui non abbiamo fatto tutto ciò che avremmo voluto.

Io, che sono una fan delle montagne russe, ho apprezzato particolarmente Altair. Credetemi, ne ho viste molte, e i twist di quelle di Cinecittà sono davvero notevoli.

Anche Aktium, una piccola montagna russa che finisce in acqua, è stata molto piacevole, specie quando si sono levati gli spruzzi a rinfrescarci.

Per fortuna c’era il Regno del ghiaccio in cui rifugiarsi. Temperatura gradevolissima e giochi con la neve.

Ho evitato, invece, Inferno, che è piaciuta a mia figlia e alla sua amica.

Conto di tornare al più presto con l’altro mio figlio, magari con un po’ più di fresco, per provare le attrazioni che non abbiamo avuto modo di visitare.

Una nota: ci siamo tenute alla larga dalla horror-house, perché abbiamo saputo che può veramente mettere paura. Con il fatto che ci sono attori reali, è molto più forte dell’esperienza di qualsiasi altra casa degli orrori, di cui io già non sono amante. Per cui, se siete con i vostri bambini, tenetelo presente.

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *